RACCONTARE LO SPORT UN CORSO TRA SPORT E LETTERATURA

dal 20 gennaio al 17 febbraio ogni lunedì dalle 19 alle 21 RACCONTARE LO SPORT UN CORSO TRA SPORT E LETTERATURA con Carlo Pizzigoni, Matteo Marani, Matteo Codignola, Lorenzo Longhi e Roberto Brambilla.

Giornalisti, insegnanti e romanzieri ci guidano in un percorso alla ricerca del legame profondo tra sport e letteratura. Una marcatura a volte a uomo – di autori eccezionali come Galeano, Foster Wallace e Gianni Brera – a volte a zona – in Sud America è riuscita forse come in nessun altro posto al mondo. Sport e letteratura sono due universi messi in contatto dal più umano degli istinti: l’emozione. - Cosa sa di sport, chi sa solo di sport? Liberamente tratto da una frase realmente scritta da Cyril Lionel Robert James, Beyond a Boundary QUANDO > Il corso si svolge tutti i lunedì dal 20 gennaio al 17 febbraio QUANTO > Il costo è di 150 euro, il corso ospita un minimo di 12 e un massimo di 20 partecipanti DOVE > Gogol and Company, via Savona 101, Milano COME > Per informazioni e iscrizioni, scrivete entro il 13 gennaio a: libreria@gogolandcompany.com COSA FAREMO: * lunedì 20 gennaio: L’INTERNAZIONALE DELLO SPORT con Lorenzo Longhi e Roberto Brambilla Un viaggio sentimentale in giro per il mondo delle parole. “Contropiede”, “Gegenpressig”, “Panenka”: ad ogni paese la sua parola chiave nella narrazione sportiva * lunedì 27 gennaio: MEMORIA COLLETTIVA E SPORT con Lorenzo Longhi e Roberto Brambilla Come quella del “Grande Torino” è diventata la Superga di tutto il mondo * lunedì 3 febbraio: QUELLA SPORTIVA E' LETTERATURA? con Carlo Pizzigoni e Matteo Marani La narrazione calcistica in Italia tra le conversazioni nella “cattedrale” del bar e Gianni Brera. Non è storytelling, è giornalismo * lunedì 10 febbraio: MISTICA DEL FUTBOL con Carlo Pizzigoni Viaggio al centro del fútbol in Sud America: dall’Uruguay al Brasile, dal Maracanzo a Galeano * lunedì 17 febbraio: VITE SPORTIVE e LETTERATURA con Matteo Codignola In che modo la narrazione della vita di uno sportivo differisce da una biografia di altro tipo? Quali sono gli strumenti necessari a raccontare una carriera nel mondo dello sport? Come la si trasforma in letteratura? CON CHI: Carlo Pizzigoni E’ nato e vive a Pero, periferia milanese. Lavora come consulente a SkySport, scrive su diversi giornali e periodici italiani e internazionali. Ha dedicato al calcio due libri, Nuove Storie Mondiali (dalla trasmissione con Federico Buffa), e Locos por el Futbol, forse l’unico libro sulla storia del calcio sudamericano in italiano, sicuramente l’unico con prefazione e postfazione di Buffa e Adani. Matteo Marani “Scrive, racconta, parla di sport e di storia. Un magnifico privilegio”. Dopo la laurea in storia all'Università di Bologna, ha iniziato un legame con il Guerin Sportivo, iniziato nel 1992 come stagista e conclusosi con la direzione della rivista dal 2008 al 2016. È stato vicedirettore di Sky Sport e direttore di Sky Sport 24. Nel 2007 ha scritto Dallo scudetto ad Auschwitz, contribuendo alla riscoperta della figura di Árpád Weisz, allenatore campione d’Italia con Ambrosiana e due volte col Bologna, vittima delle leggi razziali e morto ad Auschwitz nel 1944. Lorenzo Longhi Giornalista e autore, ha collaborato con diverse testate (Sky sport, l'Unità, il Manifesto e, attualmente, Avvenire e Treccani) per le quali si occupa prevalentemente di sport con particolare attenzione agli aspetti politici, finanziari e sociologici che accompagnano, e sovente causano e spiegano, ciò che accade su campi da gioco. Ha pubblicato cinque libri ("Tutti gli uomini che hanno fatto grande il Torino", BrAZil-vocabulario do futebol", "Non solo Puskas" con Roberto Brambilla, "Prima Repubblica Football Club", "500 figu per un Bordon") e scritto saggi per i volumi Treccani e per la rivista di studi breriani "Quaderni dell'Arcimatto". Roberto Brambilla Giornalista che fa l'insegnante, ama la Storia e il calcio. Non sempre in questo ordine. Ha scritto "C'era una volta l'Est", "Non solo Puskás" e "Rivoluzionari in campo". Collabora con la sezione sport di “Avvenire” Matteo Codignola Nato a Genova nel 1960, è editor e traduttore di Adelphi. Tra i lavori più importanti, la traduzione in italiano di Follia di Patrick McGrath e de La versione di Barney di Mordecai Richler. Il suo ultimo libro è "Vite brevi di tennisti eminenti", edito da Adelphi nel 2018.

Post consigliati
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag

Vuoi ricevere la nostra newsletter?

Partita iva 06981950964